PRIMA - IL PAGELLONE DI FINE ANNO - BarSportItalia.it

PRIMA - IL PAGELLONE DI FINE ANNO

Pubblicato: Venerdý 13 Giugno 2014 da: Miki

Con la fine del triangolare tra le seconde forze della Prima categoria, vinto dal Nago Torbole, possiamo procedere al pagellone finale del campionato 2013-14, una stagione che ha visto il dominio del Fiemme, volato meritatamente in Promozione con tre giornate di anticipo.

Aquila Trento 7,5 Una partenza col freno a mano tirato ha compromesso le possibilità di vittoria finale: c’è stato un unico momento in cui sembrava che i ragazzi di Trentini potessero riaprire il campionato, ma l’incapacità di vincere lo scontro diretto ha definitivamente chiuso i conti. Peccato!

Audace 4 Pur dando tutte le giustificazioni del mondo alla formazione di Gadda, dalla poca esperienza dell’organico, agli infortuni che hanno colpito i giocatori di “peso”, chiudere all’ultimo posto, perdendo tutti gli scontri diretti, anche tra le mura amiche è un segnale di resa incondizionata.

Azzurra 8 I “bimbi” terribili di Sparano sono una delle piacevoli sorprese del campionato: è vero che se hai in organico gente come Piffer (16 gol) o Rigotti (21) tutto diventa più facile, ma il fatto di avere un’età media molto bassa poteva essere un problema; invece i giovani hanno bene impressionato anche per il futuro.

Calceranica 7,5 Una stagione soddisfacente anche per i gialloverdi di Furlan, che oltre a ricoprire per il secondo anno consecutivo il ruolo di “mina vagante”, si sono tolti pure la soddisfazione di portare in riva al lago la Coppa Provincia: se l’obiettivo è migliorare il prossimo anno si lotterà per vincere. Complimenti ad Anderle, vicecapocannoniere del torneo con 18 reti.

Cauriol 4,5 Un mezzo voto in più rispetto all’Audace perché almeno la formazione di Weber ha provato a giocarsela fino alla fine, raccogliendo qualche punticino in più rispetto ai “panizari”. E dire che ai nastri di partenza l’organico sembrava rinforzato rispetto alla scorsa stagione e quindi ci si aspettava qual cosina in più.

Dolomitica 5,5 Una salvezza agguantata alla penultima giornata non crediamo sia l’obiettivo di partenza dell’undici allenato da Boninsegna, ma i pochi gol messi a segno (25, secondo peggior attacco) non hanno permesso altri traguardi.

Fiemme 9+. Visto che il massimo dei voti si concede solo alla perfezione, la capolista non avendo fatto un percorso netto, merita un punteggio minore. Resta comunque un’ottima annata quella giocata dai ragazzi di Zaopo, che hanno dominato il girone sin dalle prime giornate. In bocca al lupo per la Promozione.

Gardolo 8,5 La vera sorpresa della stagione è l’undici di Chiarani, che da neopromossa ha saputo mantenere per lunghi tratti il passo delle prime, calando nel finale. Buono il campionato di Diagne, che ha saputo confermare anche nella categoria superiore le cose fatte vedere in Seconda.

Ortigaralefre 7 Mister Felicetti ha fatto un ottimo lavoro alla guida dei rossoblù, conquistando una tranquilla salvezza e stazionando costantemente nella metà alta della classifica. Visto che il gruppo è ormai stabile da alcuni campionati, si potrebbe pensare di alzare l’asticella.

 

Pinè 7 Nonostante una sfilza d’infortuni i giallo viola sono riusciti comunque a raggiungere il secondo gradino del podio in coabitazione con l’Aquila, ma ci si aspettava qualcosa di più dai ragazzi di Zenobi, che dopo aver perso lo scontro diretto dell’andata hanno perso per strada diversi punti. Da incorniciare i 13 gol di Dellai: per un difensore sono “tanta roba”.

Povo Scania 6,5 Salvezza doveva essere e salvezza è stata, ma che fatica. Gli acquisti estivi avrebbero dovuto garantire un campionato molto più tranquillo ai granata, che invece hanno faticato più del dovuto. Ora la compagine collinare saluta la compagnia in vista della fusione col Villazzano: in bocca al lupo!!!!

Telve 6,5 Purtroppo un girone d’andata molto sotto le proprie possibilità ha costretto i ragazzi di Sbetta a rimboccarsi le maniche per evitare d’impelagarsi nella lotta per non retrocedere. I risultati fortunatamente sono arrivati nel ritorno, riportando la serenità nello spogliatoio gialloverde.

Vattaro 5,5 Il voto è una media tra l’otto che avrebbe meritato a fine autunno ed il tre guadagnato in primavera; una metamorfosi in negativo, dovuta sicuramente ad alcune assenze pesanti, seguita alla vittoria conquistata contro la prima della classe.

Verla 6 Senza infamia e senza lode il cammino dei ragazzi di Brugnara, che durante l’andata hanno messo in cascina tanti punti, potendo poi amministrare il vantaggio sulla zona calda nel ritorno, senza doversi dannare l’anima per raggiungere la salvezza.

 




marco2014-06-13 18:17:10
Troppo buoni a dare 4 all'audace. meritiamo molto meno. Giocatori, mister e societÓ tutti colpevoli. Si salvano solamente i nostri ultras, sempre presenti, sempre un coro e mai una polemica. Unici





© 2013 BarSportItalia.it - Famm Srl P.IVA/C.F. 02256130226 - Privacy Policy