FEMMINILE - IL CIELO E' AZZURRA SOPRA TRENTO - BarSportItalia.it

FEMMINILE - IL CIELO E' AZZURRA SOPRA TRENTO

Pubblicato: Mercoledý 21 Ottobre 2015 da: Giulia Branz

SERIE B. Al via il tanto atteso campionato di serie B, gioie e dolori per le nostre compagini trentine. Gioie per l'Azzurra S. Bartolomeo, che ha battuto in casa il Foligno per 5 a 2; dolori invece per il Trento Clarentia, tornato a mani vuote dalla trasferta padovana. Partenza pazzesca per le azzurrine che stordiscono le perugine, più di quanto abbia fatto la lunga trasferta, a suon di goal: subito a segno Carraro, seguita poi dalla compare Pasqualini. Ma non è finita qui, le trentine hanno ancora fame e non smettono quindi di scartare le perugine, scambiandole forse per gli omonimi cioccolatini. È il turno quindi dell'inarrestabile Erlicher, che mette a segno la rete del 3 a 0. Il vantaggio accumulato non è ancora tuttavia sufficiente ad avere la meglio sulla compagine avversaria, che reagisce portandosi sul 3 a 1. Ma per evitare fraintendimenti ed andare al riposo tranquille, Pasqualini timbra la doppietta personale poco prima del termine della prima frazione di gara. Via al secondo tempo ed il coraggioso Foligno non molla accorciando le distanze sul 4 a 2, ma in una giornata così azzurra solo uno può essere l'esito finale; a ribadire il concetto ci pensa Betta che dal dischetto trasforma impassibile la rete del 5 a 2.

Destino opposto invece quello del Trento Clarentia, che subisce bruscamente gli effetti del salto di categoria; infatti ciò che si evince dalla prima nella serie cadetta della squadra di Gadda è soprattutto la mancanza di esperienza delle ragazze; così alle molte occasioni create è seguita solo una rete, siglata dalla solita Dalla Santa. Primo quarto d'ora di gara da dimenticare per le trentine, che cadono nel panico e subiscono due reti. Ripreso per ò il controllo della situazione, iniziano a macinare gioco, predominando nel possesso palla e creando ottimi presupposti per la rimonta. Il primo presupposto è la Bonenti, ottimo tempismo e posizione, ma la conclusione finisce nello stomaco dell'estremo difensore avversario. Poco dopo è Rosa ad imboccare Dalla Santa con un delizioso passaggio che la smarca davanti al portiere, ma lo spazio è troppo poco e così nulla di fatto. Nel momento migliore del Clarentia arriva però la batosta del 3 a 0, con le padovane abili e fortunate nell'intercettare un rilancio difettoso delle trentine che si trasforma in un insperato campanile. Ma il Trento non ci sta e non perde tempo ad inizio ripresa, accorciando le distanze con Dalla Santa. Arriva però subito la decisiva risposta del Padova, che ristabilisce il divario. Trento che ci prova ancora, ma la fuga di Zappini termina tra le braccia del portiere mentre il diagonale di Rosa si perde di poco a lato della porta. Qualche segnali incoraggiante dal punto di vista del gioco c'è stato quindi, ma c'è ancora molto da imparare, queste corrono parecchio...

I risultati della prima di andata:

Azzurra S.B.

Foligno

5-2

Grifo Perugia

Gordige

7-0

Jesina

Marcon

1-0

New Team Ferrara

Vicenza

1-8

Padova

Trento Clarentia

4-1

Pro S.Bonifacio

Graphistudio PN

0-0

 

Il prossimo turno di campionato, l'1 novembre, vedrà l'Azzurra impegnata in trasferta contro il Marcon, mentre il Trento Clarentia attende al Talamo la Pro S. Bonifacio. Nel frattempo domenica prossima le due compagini si affronteranno nel derby valido per la qualificazione al prossimo turno di Coppa Italia.

SERIE C. L'Isera sembra ormai tornata quella che tutti aspettavamo, gioco brillante, goal e punti. Soffrono invece più che mai Calceranica ed Ozolo Maddalene, imprigionate da un difficile inizio di stagione nella zona bassa della classifica. L'Isera riesce ad ottenere una netta vittoria sulle Red Lions, nonostante le roveretane si siano cimentate in una sfida a colpire il maggior numero di traverse invece che a centrare la rete. Dopo i legni scossi da Boccagni e Baldessarri ci pensa quindi un difensore altoatesino ad insaccare malauguratamente nella propria porta, sbloccando la gara a favore delle roveretane. Reazione delle Red Lions, ma in quel di Isera la leonessa è l'estremo difensore roveretano De Simone, che blocca con successo i velenosi contropiedi altoatesini. A questo punto l'Isera riprende il controllo della gara, dominando il gioco a centrocampo e tentando più volte il goal dalla distanza con le fantastiche 4 del centrocampo iserotto Boccagni, Turella, Groff e l'ispiratissima Zanelli. Proprio quest'ultima infatti torna dal riposo più agguerrita che mai e si incarica di chiudere finalmente la gara evitando portiere e traverse varie con una doppietta in pochi minuti. La partita la vince l'Isera, per quanti riguarda invece la sfida a pali e traverse vi si cimentano anche la classe 99 Bertolini, Groff ,Turella e Casapu... lasciamo al mister Bollino il difficile compito di decretare la vincitrice in merito.

Risultati della 5a giornata:

Brixen Obi

Vipiteno

3-1

Isera

Red Lions Tarsch

3-0

Maia Alta

Pfalzen

3-0

Ozolo Maddalene

Natz

0-6

Unterland Damen

Calceranica

5-0

 

Classifica: Maia Alta, Unterland Damen (15); Brixen Obi (13); Vipiteno (9); Natz (8); Isera (7); Calceranica, Red Lions (3); Pfalzen, Ozolo Maddalene (0).

 








© 2013 BarSportItalia.it - Famm Srl P.IVA/C.F. 02256130226 - Privacy Policy