BROOMBALL: LE TIGRI PERDONO LA PARTITA, MA NON LA SPERANZA - BarSportItalia.it

BROOMBALL: LE TIGRI PERDONO LA PARTITA, MA NON LA SPERANZA

Pubblicato: Lunedě 5 Marzo 2012 da: B.C. Pinč

 

©BarSportItalia.itPinè ore 18.15: allo stadio “Ice Rink” s’è disputata la semifinale di andata tra Bc Pine' Tiger contro la temibile squadra della Rotalnord.

 

I volti delle giocatrici sono tesi mentre il mister spiega la partita, ma non mancano scherzi e risate per cercare di spegnere la tensione. L’obiettivo è quello di compiere un MIRACLE. Si entra in campo circondate dal pubblico delle grandi occasioni, che può essere dare una marcia in più per le pinaitre, infatti le tigri partono in quinta, passando il primo minuto e mezzo nella metà campo della Rotalnord, senza però riuscire a spaventare il portiere avversario. Purtroppo al quinto minuto arriva la doccia fredda: Heidi Spitaler (giocatrice che in teoria quest'anno avrebbe dovuto indossare la nostra maglia, prima di abbandonarci all'ultimo) tira dalla blu, tutti mancano la palla ma non Daniela Musler, che infila la palla in porta per l’uno a zero in favore degli ospiti. Il gol lascia le tigri ammutolite, ma siamo solo all'inizio della gara e la partita può ancora cambiare. Le avversarie iniziano ad innervosirsi, lanciando piccole provocazioni alle tigri, che non reagiscono, pensando solamente a sfruttare questo momento per poter segnare. Poco dopo, infatti, arriva la prima penalità per la Rotalnord, ma le pinaitre non sfruttano questa preziosa occasione. Si continua e le ospiti subiscono un’altra penalità: il numero 88 rotalnordiano atterra l'attaccante Dalpez con un colpo di testa. Momento di panico per la giocatrice pinaitra, che non si rialza subito dal terreno. L’esito dello scontro è una botta alla schiena ed una alla testa, ma le tigri hanno la testa dura e dopo una breve uscita  Dalpez rientra in campo più grintosa di prima. Non si registrano altre azioni pericolose, così il primo tempo si chiude con il vantaggio ospite 1 a 0.

 

Nei due minuti di pausa negli occhi delle tigri si leggono grinta, unione, divertimento e voglia di segnare un gol alla squadra imbattuta finora in campionato, così le padrone di casa ripartono subito in attacco con Sonia Dalpez smarcata davanti alla porta, ma non riesce a bucare la rete. Sul rovesciamento di fronte un piccolo annebbiamento in difesa al terzo minuto costa caro: Il numero 15 pinaitro si ritrova con la palla e cerca di fare  una finezza, ma invece regala palla all'avversaria. Trovandosi marcata la giocatrice della Rotalnord passa la palla alla solita Musler, che spiazza il portiere portando la sua squadra sul 2 a 0. Nel proseguo capita un’altra occasione di superiorità alle tigri, ma il trio Dalpez-Corona-Boschini non riesce ad infilare in rete. Più volte le attaccanti pinaitre si trovano davanti alla porta avversaria, ma mancano di una punta di cinismo e sbagliano il bersaglio, così al fischio finale il risultato dice Pine' 0 e Rotalnord 2.

Un parziale che agli occhi di tutti da per spacciate le tigri, ma ogni partita ha la sua storia e se il Pinè ci crede, giocando con la stessa grinta di ieri, possono tentare il miracolo. Sicuramente servirà più cinismo e lucidità nei momenti giusti dell’incontro: purtroppo gli sbagli si pagano cari, specialmente se non si riesce a sfruttare gli errori e le debolezze altrui.

Complimenti alla portiera Haeusl (ex Rotalnord): in due occasioni le sue ex compagne stavano già esultando,  ma lei con tocchi magici ha portato la palla fuori dalla porta. Un plauso ai difensori Curzel e Bortolotti per l'ottima prestazione (migliori in campo), ma anche a Broseghini e Zampedri (che la prossima partita cercherà in tutti i modi di segnare: lei sa il perchè). Complimenti alla prima linea Dalpez, Martinelli e Boschini, che continua a dimostrare l’intesa in campo con azioni di pregevole fattura, ma anche alla seconda linea composta da Corona, Ioriatti e Bortolotti, che ha dato filo da torcere alla difesa avversaria. Brave anche al duetto Kaswalder – Sittoni, che hanno dimostrato di  essere vere tigri  e un particolare ringraziamento anche a Begher ,che ha dato sostegno morale alla sua squadra.

Nulla è perduto, tuttavia, e si andrà a Cavalese per la semifinale di ritorno, che si disputerà domenica 11 marzo ad ore 19.00, ricordando che "I MORTI SI CONTANO SOLO ALLA FINE DELLA GUERRA".








© 2013 BarSportItalia.it - Famm Srl P.IVA/C.F. 02256130226 - Privacy Policy