BASKET – AUDAX, AL PALAGARBARI NON SI PASSA…ED E’ 1 A 1...GIOVEDI LA BELLA AD ARCO! - BarSportItalia.it

BASKET – AUDAX, AL PALAGARBARI NON SI PASSA…ED E’ 1 A 1...GIOVEDI LA BELLA AD ARCO!

Pubblicato: Sabato 26 Maggio 2012 da: Fede

 

©BarSportItalia.it

PERGINE – Come direbbe l’intramontabile Lucio Battisti…”Tu chiamale se vuoi emozioni”!

Dopo essere andata in gita ad Arco giovedì scorso, l’Audax sull’orlo del baratro in gara-2, mette in scena un ultimo quarto “monstre”, un ultimo quarto che resterà negli annali della formazione perginese, capace, sospinta da un grande, grande pubblico, di raddrizzare una serie che sembrava ormai in dirittura d’arrivo.

Sul parquet del Palagarbari (ancora imbattuto in questa stagione), l’avvio di gara mostra un Arco sicuramente più pimpante soprattutto sotto le plance dove l’esperienza e qualche centimetro in più fanno la differenza e l’Audax termine miracolosamente sotto di 8 (6-14) dopo aver prodotto molte palle perse e una bassa percentuali sia dalla media che dal perimetro.

Nella seconda frazione il match non offre variazioni, l’inerzia è nelle mani della squadra arcense, che come di consuetudine mantiene il ritmo basso cercando con continuità il loro lungo Santorum per sfruttare la sua superiorità in area permettendo a Pesarini e compagni di allungare e congli unici Sandro Ferrara e Pietro Sardagna a provare a tenere a galla gli Audaci e si va al lungo intervallo sul +6 Arco (19-25).

Nel terzo quarto, coach De Martino ordina la “zona”, la classica “zona bulgara”, mossa che non sembra dare i frutti sperati in casa Audax, anche perché il -8 (30-38) di fine frazione premia ancora Arco che vede ormai lo striscione del traguardo…ma qualcosa nell’aria sta cambiando.

Nell’ultimo quarto succede l’impensabile, succede quello che ogni giocatore, coach, tifoso e amante di questo sport spererebbe accadesse alla sua squadra del cuore. Nei primi minuti dell’ultima e decisiva frazione finalmente la “zona bulgara” della formazione di casa porta i primi frutti e sul versante opposto decidono di entrare in partita Federico Roat e Mini Anesi (15 punti in due nell’ultimo quarto) fino a quel punto non pervenuti in attacco, se poi si aggiunge la freddezza ai liberi di Ferrara e vedi per la prima volta in questa stagione Pietro Sardagna fare il play mettendo ordine in campo si capisce che tutto è possibile. Arco sbanda notevolmente e sospinta da un pubblico della grandi occasioni ribalta il risultato volando sul +8 (50-42); la squadra ospite prova una reazione approfittando di alcune banali palle perse dell’Audax ricucendo lo strappo fino a -2 (50-48), ma i ragazzi di coach De Martino pigiano nuovamente sull’acceleratore mettendo così i titoli di coda e scrivendo a referto un parziale di 30 a 12.

Giovedì prossimo si torna ad Arco per la decisiva gara-3. L’Audax per vincere il campionato sarà costretta a espugnare il campo arcense, imbattuto in questa stagione, una missione difficile ma non impossibile dove aver visto gli ultimi dieci minuti di gara-2!

Inizia il countdown….

Audax - Arcobasket  60-50

(6-14;19-25;30-38;60-50)

AUDAX: Stievano ne, Bortolamedi ne, Ferrara 23, Beber, Filippi 6, Orempuller, Galvan 4, Anesi 6, Sardagna 10, Roat 11. All.: De Martino.

ARCO: Macella 3, Pesarini 6, Ferrari 12, Detoni 9, Falcone 10, Santorum 6, Righi, Tommasini 1, Bardelloni 2, Betta 1.

Tiri liberi: Audax 21/28, Arco 11/19

Tiri da 3 : Audax 3 (Anesi 2, Roat), Arco 3 ( Macella, Detoni, Falcone).

Usciti per falli: Santorum

Arbitri: Biondi e Guarino di Trento.








© 2013 BarSportItalia.it - Famm Srl P.IVA/C.F. 02256130226 - Privacy Policy